Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Tu sei qui: Portale Comunicazione Notizie Notizie 2012 Sul “riordino degli ambiti territoriali” di operatività degli enti camerali
Azioni sul documento

Sul “riordino degli ambiti territoriali” di operatività degli enti camerali

ultima modifica 27/09/2012 10:48
— archiviato sotto: , ,

12.09.12 Documento di Unioncamere Emilia-Romagna su economie di scala e specializzazione per le competenze camerali

La Giunta di Unioncamere Emilia-Romagna, composta dai Presidenti delle nove Camere di commercio, ha approvato all’unanimità un documento sul “riordino degli ambiti territoriali” di operatività degli enti camerali, al fine di “elevare l’efficienza degli interventi per la competitività delle imprese”.

Il documento, che tiene conto degli approfondimenti del Comitato dei Segretari Generali, traccia la direzione di marcia di un percorso di riorganizzazione, prendendo a riferimento la stella polare dell’ottimizzazione della gestione delle competenze camerali, perseguendo economie di scala e di specializzazione, in modo da aumentare il volume degli interventi di promozione dell’economia, contenendo a un tempo i costi.
Il documento prende atto che è in via di superamento l’istituzione provinciale come l’abbiamo finora conosciuta: una spinta in questo senso è venuta dalle istituzioni comunitarie, che hanno sottolineato l’atipicità nel panorama europeo di un assetto basato su tre enti elettivi a livello territoriale (Regione, Provincia, Comune). E’ dunque in via di ridefinizione l’ambito territoriale nel quale ha prevalentemente operato fino ad oggi il sistema camerale.

Il provvedimento sul riordino delle Province non investe l’assetto degli enti camerali, ai quali viene riconosciuta una specifica autonomia funzionale. La legge di riforma approvata nel 2010 ha confermato che le Camere presentano una specificità nel panorama degli enti pubblici, in considerazione della presenza negli organismi direttivi dei rappresentanti dell’economia (imprese,  consumatori, sindacati dei lavoratori, cooperazione, ordini professionali).

Nel documento approvato dalla Giunta si sottolinea che la ricerca di dimensioni ottimali nella gestione delle competenze non deve indebolire il radicamento territoriale e la funzione di prossimità con le imprese delle Camere di commercio. A tal fine la riorganizzazione del sistema camerale deve prendere a riferimento specifici parametri dimensionali e di operatività (ad esempio, il bacino di utenza dell’attività degli enti camerali e gli indicatori di efficienza e di rigidità delle spese desumibili dai bilanci).. Secondo il Presidente dell’Unioncamere Emilia-Romagna, Carlo Alberto Roncarati, “gli indicatori presi a riferimento per il riordino delle Province (consistenza della popolazione e superficie territoriale) non sono idonei a orientare la ricerca di efficienza delle attività camerali, riferite alle attività economiche”.

“La Convention annuale delle Camere di commercio dell’Emilia-Romagna (programmata per il 1-2 ottobre a Reggio Emilia) consentirà - sottolinea il Segretario Generale dell’Unioncamere Emilia-Romagna, Ugo Girardi - di sviluppare il confronto con le associazioni di rappresentanza delle imprese e con la Regione sulle proposte di riforma degli ambiti di operatività delle singole Camere”.. Intanto il documento è stato inviato al Presidente dell’Unioncamere nazionale,  Ferruccio Dardanello. Le CCIAA dell’Emilia-Romagna intendono in tal modo contribuire a tracciare il disegno nazionale di riorganizzazione delle strutture camerali. Una volta completati gli approfondimenti, le proposte saranno sottoposte al vaglio del Ministero dello Sviluppo Economico, individuato dal provvedimento di riforma del 2010 come l’istituzione di riferimento per i provvedimenti di attuazione della normativa sull’istituto camerale.

Allegati: Comunicato stampa - Documento (pdf 411 KB)