Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Tu sei qui: Portale Comunicazione Notizie Notizie 2014 Stefano Landi al vertice della Camera di commercio di Reggio Emilia
Azioni sul documento

Stefano Landi al vertice della Camera di commercio di Reggio Emilia

ultima modifica 22/01/2014 17:56
— archiviato sotto: , ,

16.1.14 Eletto alla Presidenza dal Consiglio camerale a stragrande maggioranza

Stefano Landi, 55 anni, è stato eletto alla presidenza della Camera di Commercio di Reggio Emilia. La decisione è stata assunta a stragrande maggioranza (due astensioni da componenti che tradizionalmente non esprimono il voto in sede consiliare) e con voto palese da parte dal Consiglio dell’Ente Camerale.
Landi, che è presidente di Unindustria Reggio Emilia e della Landi Renzo spa, succede nell’incarico ad Enrico Bini.
“Un segnale di unità e compattezza – ha detto Landi subito dopo il voto – del quale sono profondamente grato ai consiglieri e a tutte le forze economiche e sociali rappresentate in Consiglio”. “Abbiamo tutti ben presenti – ha aggiunto il presidente – quali siano le priorità delle nostre imprese e del nostro territorio e, conseguentemente, quali siano i temi primari di lavoro per la Camera di Commercio: questa condivisione e questa forte convergenza rappresentano le prime condizioni per un buon lavoro, ma anche un forte segnale per la politica, le istituzioni e la società reggiana rispetto al come è necessario affrontare i problemi che la crisi pone e i percorsi di sviluppo possibili”.
Nei prossimi giorni, sarà dunque Stefano Landi, a riconvocare l’organo di governo della Camera di Commercio (28 membri) per la nomina dei componenti che lo affiancheranno nella nuova Giunta camerale.
“Già in vista di questo appuntamento – sottolinea il neo presidente -  lavorerò per consolidare ulteriormente la condivisione che oggi si è registrata attorno a linee di lavoro esclusivamente orientate allo sviluppo del sistema imprenditoriale e del territorio. Non siamo affatto usciti da una crisi che ha segnato e sta segnando pesantemente le nostre comunità.
E’ per questa ragione – sottolinea Landi – che è fondamentale una forte coesione tra le associazioni imprenditoriali, un confronto concreto e serio sullo sviluppo che coinvolga enti locali, istituti di credito e forze sociali, per intrecciare e moltiplicare gli impegni a favore di una ripresa che significa ricchezza e lavoro, ma anche il rilancio di una coesione sociale che la crisi ha sicuramente incrinato, generando nuove tensioni e insicurezze”.
Del Consiglio della Camera di Commercio fanno parte, insieme a Landi, Matteo Alberini, Roberta Anceschi, Paolo Bardelli, Enzo Bartoli, Alberto Bergianti, Fabio Bezzi, Debora Bondavalli, Luca Braggion, Marco Campanini, Nunzio Dallari, Dario Domenichini, Annarella Ferretti, Roger Ganassi, Lorenzo Giberti, Nazzareno Gregori, Francesca Lombardini, Ivan Malavasi, Lorenzo Melioli, Annamaria Mora, Tiziano Pattacini, Donatella Prampolini, Elena Ricotti, Carlo Alberto Rossi, Alessandro Scala, Paola Silvi, Giovanni Teneggi, Roberto Vezzosi.

Stefano Landi. Una vita tra impresa ed impegno
Nato a Reggio Emilia il 30 giugno 1958, Stefano Landi è sposato e ha due figli.
E’ presidente di Unindustria Reggio Emilia e dal 2010 della Landi Renzo spa (fondata nel 1954 dal padre Renzo, quotata in borsa nel 2007  e oggi leader  a livello mondiale nel settore dei sistemi di alimentazione a gas per autoveicoli, distribuiti in oltre 50 Paesi), l’azienda di famiglia dove è entrato nel 1981, e di cui era stato in precedenza amministratore delegato per 13 anni.
Fortemente impegnato anche in campo sociale e culturale, Stefano Landi è stato presidente (9 anni) della Pallacanestro Reggiana, è membro del Rotary e del Panathlon, ha fondato la Landirenzo Corporate University e, con l’azienda di cui è presidente, sostiene associazioni di ricerca in campo sanitario, numerose iniziative di solidarietà e in ambito culturale (dalla Fondazione I Teatri alla Fondazione Palazzo Magnani di Reggio Emilia).
Fa parte del Consiglio di amministrazione di diversi gruppi bancari e realtà industriali ed è componente il Cda dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.