Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Tu sei qui: Portale Comunicazione Notizie Notizie 2015 Al via Adrion, nuovo programma europeo di cooperazione transnazionale
Azioni sul documento

Al via Adrion, nuovo programma europeo di cooperazione transnazionale

ultima modifica 12/12/2015 09:31

9.12.15 L'Emilia-Romagna è autorità di gestione

Parte Adrion, il programma di cooperazione territoriale europea transnazionale che coinvolge quattro stati membri dell’Unione Europea  (Italia, Slovenia, Croazia, Grecia) e quattro paesi in pre-adesione (Albania, Serbia, Montenegro, Bosnia Erzegovina) e di cui la Regione Emilia-Romagna è autorità di gestione.

L’evento di lancio del Programma a Bologna, con l’intervento di apertura del presidente della Regione Stefano Bonaccini e con la partecipazione dei rappresentanti di tutti i paesi coinvolti. La sessione è stata chiusa dall’assessore regionale al Coordinamento delle politiche europee Patrizio Bianchi, dal Ministro per l’integrazione dell’Albania Klajda Gjosha e dal sottosegretario agli affari europei Sandro Gozi.

Il Programma Adriatico-ionico Adrion, approvato dalla Commissione europea con decisione del 20 ottobre 2015, ha come primo obiettivo di supportare la Strategia Europea per la regione Adriatico-Ionica (EUSAIR), per favorire l’integrazione tra gli Stati partner, facendo leva sulle risorse naturali, culturali ed umane esistenti nelle aree del mare Adriatico e del mar Ionio e rafforzando la coesione economica, sociale e territoriale dell’area.

I quattro obiettivi tematici sono ‘Regione innovativa e intelligente’, ‘Regione sostenibile’,  ‘Regione connessa’ e ‘migliore governance per Eusair’. Questi obiettivi tematici sono strettamente connessi con i quattro pilastri di Eusair, e cioè Crescita blu, Qualità ambientale, Regione connessa, Turismo sostenibile.

Il Programma si occuperà dunque di rafforzare la ricerca lo sviluppo tecnologico e l’innovazione, di preservare e tutelare l’ambiente e l’uso efficiente delle risorse a livello transnazionale contrastando la vulnerabilità ambientale, la frammentazione e la salvaguardia degli ecosistemi. Si guarderà anche alla promozione di sistemi di trasporto sostenibili, eliminando le strozzature nelle principali infrastrutture di rete e rafforzando le capacità di trasporto integrato ed i servizi di mobilità ed intermodalità dell’area.

Gli obiettivi saranno attuati attraverso progetti che coinvolgono le regioni di almeno tre Stati membri. Ai bandi possono partecipare autorità pubbliche (o equivalenti) e, in alcuni casi, soggetti privati. Ci si attendono progetti di circa valore medio di 1,5 milioni di euro con un parternariato trasnazionale formato da 3 a 10 soggetti.

Cofinanziato dall'Unione europea con il Fondo europeo di sviluppo regionale-FESR, Adrion ha una disponibilità finanziaria di 83,467 milioni di euro, a cui si aggiungono  15,7 milioni di fondi IPA (strumento finanziario per i Paesi in Pre-Adesione) con un tasso di cofinanziamento fino all’85% a cui, per i soggetti pubblici italiani va aggiunta la possibilità di richiedere il 15% al fondo di rotazione nazionale.

Nella seconda giornata  continueranno i lavori con sessioni plenarie e tavoli tecnici paralleli.