Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Tu sei qui: Portale Comunicazione Notizie Notizie ed Eventi 2016 Bando della Regione per sostenere gli investimenti delle aziende agricole
Azioni sul documento

Bando della Regione per sostenere gli investimenti delle aziende agricole

ultima modifica 23/03/2016 10:50
— archiviato sotto: , , ,

21.3.16 Al via. Le domande dal 15 aprile al 15 luglio

Bando della Regione per sostenere gli investimenti delle aziende agricole

Simona Caselli, assessore regionale Agricoltura

Aziende agricole più moderne ed efficienti, dunque più competitive sui mercati. Parte il primo bando del Psr 2014-2020 destinato a sostenere gli investimenti aziendali. A disposizione ci sono risorse per 23,5 milioni di euro che, considerando il cofinanziamento privato, arriveranno a movimentare oltre 58 milioni. L’obiettivo del provvedimento è finanziare l’innovazione in azienda, migliorare i processi produttivi, ridurre l’impatto ambientale delle lavorazioni, migliorare la qualità dei prodotti.

Potranno essere finanziati la costruzione o ristrutturazione di immobili produttivi, gli interventi di miglioramento fondiario; l’acquisto di macchinari, attrezzature, impianti di lavorazione e trasformazione dei prodotti, gli investimenti per avviare la vendita diretta, l’acquisizione di programmi informatici, brevetti, licenze.

Le domande potranno essere presentate dal 15 aprile al 15 luglio 2016. Il bando è rivolto a tutte le aziende agricole con sede in Emilia-Romagna, sia in forma singola che associata, ad esempio in forma cooperativa. I contributi saranno in conto capitale e al 50% della spesa ammissibile in caso di giovani agricoltori, aziende agricole di montagna o operanti comunque in zone con particolari vincoli ambientali; del 40% in tutti gli altri casi. La spesa ammissibile, calcolata in base alla dimensione aziendale, consente una modulazione molto ampia degli interventi, da un minimo di 20 mila euro a un massimo di 3,5 milioni di euro. Nel caso di aziende che operano in aree con vincoli naturali o altri vincoli specifici la spesa minima ammissibile scende a 10 mila euro. Ogni azienda potrà presentare un piano di investimento e gli interventi dovranno essere realizzati di norma entro 12 mesi. La graduatoria verrà resa pubblica entro la fine del mese di novembre. Tra i criteri di priorità individuati dal bando: gli interventi dedicati all’agricoltura biologica, integrata, ai prodotti Dop e Igp  o destinati a migliorare la sicurezza sul lavoro e ad aumentare l’occupazione. Punteggi aggiuntivi anche ai progetti con valenza ambientale (dalla bioedilizia, all’efficientamento energetico), compresi quelli che portano ad una riduzione del consumo di suolo agricolo. Per la prima volta è stata prevista la ripartizione delle risorse a disposizione per settori produttivi: oltre 5,7 milioni di euro per l’ortofrutta; quasi 5,1 milioni per il lattiero-caseario; 4,9 per il cerealicolo, colture industriali, foraggere e le sementi; 2,6 per il comparto avicolo e le uova; 2,3 per le carni suine;1,4 per il vitivinicolo; oltre 960 mila euro per le carni bovine e oltre 550 mila euro per ovicaprini, miele, olio, aceto e vivaismo. Il bando relativo all’operazione 4.1.01 del Psr 2014-2020 è stato pubblicato sul Bur della Regione Emilia-Romagna il 17 marzo.

Le domande vanno presentate attraverso il sistema informativo di Agrea, l’Agenzia  regionale per le erogazioni in agricoltura. Info: http://agricoltura.regione.emilia-romagna.it/psr-2014-2020