Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Azioni sul documento

Iscrizione dell'indirizzo di posta elettronica certificata (PEC)

ultima modifica 22/05/2015 09:04

Ai sensi dell’art. 16 comma 6 del D.L. 29.11.2008 n. 185 le società devono indicare il proprio indirizzo di PEC nella domanda di iscrizione al Registro delle Imprese; la mancata indicazione di tale indirizzo costituisce causa di rifiuto d’iscrizione da parte del Conservatore.

Il D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito con legge 17 dicembre 2012, n. 221, ha esteso alle imprese individuali, l'obbligo di iscrizione della P.E.C. nel Registro Imprese, già previsto per le società.

Pertanto:

  • qualunque pratica di nuova iscrizione di impresa individuale o societaria deve obbligatoriamente, indicare l'indirizzo P.E.C. dell'impresa (sono soggetti all'obbligo anche i produttori agricoli di cui all'art. 2 comma 3 della Legge n. 77/1997, come precisato dal MSE con nota n. 65740 del 19 aprile 2013);
  • nei confronti delle imprese in forma societaria costituite prima del 29 novembre 2008 che non hanno ancora comunicato l'indirizzo P.E.C. al Registro Imprese, in luogo della sanzione si applica la sospensione per tre mesi delle pratiche contenenti istanze di iscrizione al Registro Imprese (esclusi, il deposito dei bilanci, le denunce REA, i trasferimenti di quote di S.R.L. e i trasferimenti di azienda) fino all'integrazione delle stesse con l'indirizzo P.E.C.. Decorso inutilmente il predetto termine, l'istanza si intende non presentata e quindi sarà oggetto di rigetto (parere del Consiglio di Stato n. 1714/2013);

La comunicazione della P.E.C. da parte delle imprese già iscritte può essere effettuata anche contestualmente alla presentazione di una pratica di modifica.

INDIRIZZO DA ISCRIVERE:

Si precisa che l'indirizzo P.E.C. deve essere ricondotto esclusivamente ed unicamente all'impresa stessa. (conforme al parere n. 141955 del 29/08/2013 alle note n.  prot. 77684 del 09/05/2014 e prot. 0099508 del 23/05/2014, nonchè alla circolare n. 3670/c del 23/06/2014, trasmesse dal Ministero dello Sviluppo Economico)

Qualora l'indirizzo P.E.C. denunciato per l'iscrizione nel Registro delle Imprese sia un indirizzo Pec-ID (ex art. 65 comma 1 lettera c-bis del D.Lgs. n. 82/2005), si ricorda che lo stesso è assegnato in via esclusiva al titolare (art. 8 D.P.C.M. 27 settembre 2012); pertanto non può essere riassegnato ad altro soggetto.

Il Ministero dello Sviluppo Economico, d'intesa con il Ministero della Giustizia, in data 27/04/2015 ha emanato una direttiva contenente tra l'altro misure necessaria al fine assicurare che le imprese si adeguino all'obbligo di:
- munirsi di una casella di posta elettronica certificata;
- iscrivere il relativo indirizzo  nel registro delle imprese;
- mantenere attiva la casella di posta elettronica certificata.

 

PRESENTAZIONE A CURA DEL COMMERCIALISTA:

I professionisti individuati dall'art. 31 comma 2-quinquies, della legge 24 novembre 2000, n. 340, possono presentare la comunicazione dell'indirizzo P.E.C. al Registro delle Imprese dichiarando, nel riquadro NOTE del modello, di essere stati a ciò incaricati dal legale rappresentante della società e di essere iscritti nel relativo Albo, nel caso in cui il dispositivo di firma digitale utilizzato non sia completo del certificato di ruolo (circolare MSE n, 3645/C del 3/11/2011).