Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
 
Azioni sul documento

Trasferimento di partecipazioni mortis causa pro indiviso

ultima modifica 03/12/2018 12:55

Norme di riferimento: (artt. 2469, 2470, 321, 471, 472, 566 e seguenti, c.c., art. 7 R.D. 29-3-1942 n. 239, artt. 28, 48 comma 2 D.Lgs. 346/1990)

Termine: nessuno

Obbligati:

  • erede
  • rappresentante comune

IMPORTI

Diritti di segreteria:
con modalità telematica € 90,00
Imposta di bollo: € 65,00

COMPOSIZIONE DELLA PRATICA E FIRME DIGITALI

MODULISTICA REGISTRO IMPRESE: Modulo S

CODICE ATTO: A18

ALLEGATI :

  • dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà attestante (vedi allegato):

-  notizia e data del decesso del socio;
-  indicazione ed individuazione degli eredi e della loro accettazione dell'eredità;
-  data in cui è stata presentata all'Agenzia delle Entrate la dichiarazione di successione oppure la condizione di   soggetto non obbligato alla presentazione della dichiarazione di successione;
- inesistenza fra gli eredi di soggetti minori o incapaci  ovvero l'indicazione di quali essi siano;
- estremi del rappresentante comune e suo domicilio;
- estremi dell'atto di rinuncia all'eredità.

  • eventuale dichiarazione di successione riportante gli estremi di presentazione all'Agenzia delle Entrate
  • eventuale atto di nomina del rappresentante comune
  • in caso di erede minore o incapace o soggetto diverso da persona fisica si allega l'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario ricevuta dal notaio o dal cancelliere del tribunale
  • eventuale atto di rinuncia all'eredità

FORMA DEGLI ATTI E DEI DOCUMENTI:

Originale informatico della dichiarazione sostitutiva in .pdf/A (ISO 19005), firmata digitalmente dal soggetto obbligato o legittimato, rispettando il seguente testo: “La/il sottoscritta/o ___________ ___________, nata/o a _____________ il ________ dichiara, consapevole delle responsabilità penali previste ex art. 76 del d.p.r. 445/2000 in caso di falsa o mendace dichiarazione resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del medesimo decreto, che _____________________________________________________”. La dichiarazione va allegata selezionando nel campo “Tipo documento” il codice (98) - documento ad uso interno. La dichiarazione può diversamente essere resa nel modulo note se colui che la rende è il medesimo soggetto che sottoscrive l’istanza.

L'accettazione dell'eredità con beneficio di inventario, l'eventuale dichiarazione di successione e l'eventuale atto di nomina del rappresentante comune, l'eventuale atto di rinuncia all'eredità  vanno prodotti in originale informatico (art. 21, comma 2, del d.lgs 82/2005) o copia “scansionata” di documento in origine cartaceo o copia “informatica” di documento in origine informatico, in .pdf/A (ISO 19005), firmato digitalmente dal soggetto obbligato.
L’atto va allegato selezionando nel campo “Tipo documento” il codice (98) – documento ad uso interno

DISTINTA : va sottoscritta da un erede o dal rappresentante comune

NOTE:

Alcuni statuti presentano clausole che escludono la trasmissibilità delle partecipazioni per causa di morte.

Non vi è obbligo di dichiarazione se l'eredità è devoluta al coniuge e ai parenti in linea retta del defunto e l'attivo ereditario ha un valore non superiore a Euro centomila e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari, salvo che per effetto di sopravvenienze ereditarie queste condizioni vengano a mancare.

La quota acquisita indivisa dagli eredi, può essere divisa solo con scrittura privata autenticata o atto pubblico redatto da  notaio.  (vedi paragrafo).

Per quanto attiene all'applicazione dell'imposta di bollo si rinvia alla risoluzione dell'Agenzia delle Entrate di Roma, Direzione Centrale Normativa e Contenzioso n. 197/E del 20 ottobre 2003.

Non è prevista l'esenzione da diritti di segreteria ed imposta di bollo per start up innovative e per i primi cinque anni per gli incubatori certificati (Parere dell'Agenzia delle Entrate, Direzione Provinciale di Pesaro-Urbino n. 20141119 del 17/11/2014).
Non è analogamente prevista l'esenzione da imposta di bollo per i primi cinque anni per le pmi.