Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Tu sei qui: Portale Studi e statistica Studi e statistica news Studi e ricerche news 2011 Scenario Emilia-Romagna
Azioni sul documento

Scenario Emilia-Romagna

ultima modifica 10/05/2011 09:53

24.03.11 - Previsione macroeconomica a medio termine. Ed. Marzo 2011. Pil 2011 +1,0 per cento.

Scenario Emilia-Romagna

Scenario Emilia-Romagna. Previsione macroeconomica a medio termine

L’edizione corrente dello scenario riduce la stima della crescita reale del Pil dell'Emilia-Romagna per il 2010 da +1,5 a +1,2 per cento, mentre resta invariata quella riferita al 2011, all’1,0 per cento.

I segni della crisi sono a tutt’ora profondi e saranno duraturi. In termini reali, al 2010, il valore aggiunto dell’industria dovrebbe essere risultato inferiore del 16,1 per cento rispetto al picco 2007, quello derivante dalle costruzioni del 10,4 per cento rispetto al massimo del 2008, mentre la perdita per il settore dei servizi, riferita al 2008, dovrebbe essere risultata limitata al 2,4 per cento. Al termine dell’orizzonte di previsione, nel 2013, la perdita del valore aggiunto settoriale, rispetto ai massimi sopra citati, sarà ancora dell’11,0 per cento per l’industria e del 9,9 per cento per le costruzioni, mentre il valore aggiunto dei servizi avrà superato il precedente massimo del 3,7 per cento.

In termini di persone fisiche, nel 2010, il numero degli occupati dovrebbe essersi ridotto ancora dell’1,3 per cento e ci si attendono ulteriori variazioni negative anche per il 2011 (-0,4 per cento), tanto che solo nel 2012 si potrebbe giungere ad una stabilizzazione dell’occupazione.

Nel complesso si conferma un quadro piuttosto pesante, che impone al sistema economico locale e alle singole imprese un’estrema capacità di adattamento a condizioni competitive in rapido mutamento e mette alla prova la tenuta del sistema industriale e del sistema sociale regionale.

| Scenario di previsione Emilia-Romagna | Edizione marzo 2011 (.pdf 91kb) |