Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Tu sei qui: Portale Studi e statistica Studi e statistica news Studi e ricerche news 2012 Nonostante la crisi aumentano le imprese femminili
Azioni sul documento

Nonostante la crisi aumentano le imprese femminili

ultima modifica 29/08/2012 09:04

26.03.2012 - I dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio a fine 2011

Al 31 dicembre 2011 le imprese attive femminili emiliano-romagnole erano 90.142, il 21 per cento del totale delle imprese regionali. Nonostante la crisi economica sono aumentate di 380 unità pari allo 0,4 per cento ri-spetto a fine 2010,al contrario le imprese non femminili si sono ridotte dello 0,2 per cento, con una variazione pari a 514 unità.
È quanto risulta dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio di fonte Infocamere elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna.
La quota femminile delle imprese attive è più elevata nelle province di Rimini (22,7 per cento) e di Piacenza (22,5 per cento), più bassa a Reggio Emilia (18,4 per cento). Aumentano soprattutto le società di capitale (+280 unità, pari al 2,5 per cento) e le imprese femminili dei servizi alla persona (+159 unità, +1,8 per cento).

| Imprenditoria femminile | Dicembre 2011 - Imprese femminili (.pdf 50kb) | Comunicato stampa |