Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Tu sei qui: Portale Studi e statistica Studi e statistica news Studi e ricerche news 2013 Il Terzo Settore al servizio della comunità. Il capitale sociale non va in Svizzera
Azioni sul documento

Il Terzo Settore al servizio della comunità. Il capitale sociale non va in Svizzera

ultima modifica 10/10/2013 14:43
— archiviato sotto: ,

8.10.13 A Bologna giovedì 10 ottobre presentazione di una ricerca

Giovedì 10 ottobre ore 16,30 al Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l’Economia Sociale in via Mentana 2 a Bologna si svolgerà l'incontro Il Terzo Settore al servizio della comunità. Il capitale sociale non va in Svizzera”.

L’appuntamento, rivolto all’intera cittadinanza e in particolare al mondo delle imprese, intende evidenziare il valore sociale del Terzo Settore e del suo contributo al capitale sociale nella provincia di Bologna. Infatti, così come le altre forme più canoniche di capitale (le risorse finanziarie, i macchinari, le conoscenze tecniche), anche il capitale sociale è una risorsa in grado di produrre ricchezza: favorendo le transazioni economiche, creando un contesto di maggiore fiducia e abbattendo i costi di transazione, migliorando così il rendimento delle istituzioni.

Nel corso dell’incontro sarà presentata una ricerca sulla provincia bolognese effettuata da Davide Conte e Natascia Nuzzo.

Interverrà Guido Caselli, direttore Centro studi Unioncamere Emilia-Romagna.

Sintesi

Beni immateriali quali la fiducia, la relazione, la partecipazione, il senso di appartenenza, il senso di responsabilità costituiscono fattori determinanti per il benessere e l’esistenza di una comunità. Il territorio della provincia bolognese è particolarmente ricco di esperienze di volontariato, di associazionismo e di cooperazione sociale e trova nelle istituzioni pubbliche, nelle imprese e nei cittadini una significativa sensibilità nel costruire relazioni che consentono di individuare obiettivi, azioni e percorsi che rispondono in via del tutto naturale non solo e non tanto a un modello di welfare, ma anche e soprattutto a creare le condizioni affinché possa trovare compimento un progetto di cambiamento delle relazioni e quindi un progetto di comunità. Occorre però dare nuovo impulso e slancio al processo ricapitalizzando le relazioni e pensando sempre più alle politiche sociali come politiche di comunità e non solo come politiche pubbliche

Il programma:

Introduce

Luca De Paoli Forum Terzo Settore di Bologna

Presentazione della ricerca

Davide Conte e Natascia Nuzzo

Interventi

Paolo Bernagozzi, ANCeSCAO Bologna – Coordinamento provinciale dei Centri Sociali Ricreativi

Culturali ed Orti di Bologna

Giancarlo Funaioli, Centro Servizi per il Volontariato provinciale di Bologna - Rappresentante dell’Alleanza delle Cooperative Italiane di Bologna

Tavola rotonda

Amelia Frascaroli, Assessore del Comune di Bologna

Guliano Barigazzi, Assessore della Provincia di Bologna

Teresa Marzocchi, Assessore della Regione Emilia-Romagna

Guido Caselli, Direttore Centro studi, monitoraggio dell'economia e statistica Unioncamere Emilia-Romagna

Giovanni Maria Mazzanti, Docente di Macroeconomia ed Economia dello Sviluppo Università di Bologna

Roberto Kerkoc, Vice Presidente Delegato per Energia, Ambiente e Territorio di Unindustria Bologna

Modera

Fabrizio Binacchi, Direttore RAI Emilia-Romagna

Per informazioni: Provincia di Bologna Ufficio Terzo Settore, tel. 051 659 8276 ufficio.terzosettore@provincia.bologna.it

Associazione Bandieragialla.it tel. 051 400 024 portavoce.forum3BO@catis.net

Allegati: Comunicato stampa Protocollo Unioncamere Italiana –Forum Terzo Settore 2013 - Programma