Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sections
Tu sei qui: Portale Studi e statistica Studi e statistica news Studi e ricerche news 2021 Rapporto 2020 sull’economia regionale
Azioni sul documento

Rapporto 2020 sull’economia regionale

ultima modifica 15/06/2021 16:33

15.06.2021 Online il Rapporto 2020. Dopo un anno senza precedenti, la caduta stimata del Pil è del 9,0 per cento, nel 2021 arriva la ripresa (+5,5 per cento)

Il PIL regionale dovrebbe avere subito una contrazione compresa del 9,0%, ma per il 2021 si prospetta una ripresa parziale (+5,5%).

La pandemia non si riflette per ora sulla base imprenditoriale (-0,5%) e, grazie anche al blocco dei licenziamenti, il calo dell'occupazione (-2,1%) è stato contenuto. I lavoratori non occupabili fuoriusciti dal mercato del lavoro sono confluiti tra gli inattivi. Anche per questo il tasso di disoccupazione è rimasto pressoché invariato salendo al 5,7%.

La produzione industriale si è ridotta del 10,4%, con un andamento a “V” della ripresa dell’attività nella seconda parte dell'anno dopo lo shock iniziale.

Il volume d'affari delle costruzioni si è ridotto del 6,3% meno di quanto si poteva temere, ma comunque con la caduta più rilevante dall’inizio della rilevazione.

Il commercio al dettaglio ha risentito pesantemente degli effetti della pandemia e le vendite sono scese del 6,7%, anchein questo caso la riduzione più ampia dall’inizio della rilevazione.

Le esportazioni di beni e servizi a valori correnti hanno subito un calo dell’8,2 per cento, nonostante il migliore andamento negli ultimi sei mesi del 2020, e la regione si è confermata seconda per quota dell'export nazionale.

Il bersaglio perfetto per gli effetti negativi della pandemia è stata l’industria turistica regionale che ha chiuso il 2020 con una contrazione degli arrivi di oltre il 47% e di quasi il 38% per cento delle presenze.

| Rapporto sull'economia regionale | Rapporto 2020(.pdf) | Comunicato stampa (.pdf) |